Chi sono

Luca Toma: coach per il giapponese, traduttore / interprete, calligrafo

Avvio i miei studenti allo studio del giapponese in una maniera facile e intuitiva e aiuto chi già lo studia e si sente bloccato.

Offro un supporto ad aziende e privati attraverso i miei servizi di traduzione e interpretariato. Nel tempo libero, mi dedico all’arte della calligrafia.

Come ho iniziato a imparare il giapponese

Fin da piccolo ho avuto due interessi principali: l’arte e le lingue straniere. Essi mi hanno da sempre influenzato nella scelta di cosa fare e dove vivere.

Il Giappone, però, è da sempre stata una delle mie più grandi passioni. Da qui la mia decisione di impararne la lingua. Tuttavia, in un’epoca in cui Internet non esisteva, i materiali didattici erano quasi inesistenti.

Giunsi ad una singolare soluzione durante una gita a Roma di quinta elementare!

Avvistai su una bancarella la guida della città e ne comprai una in giapponese e una in italiano. Quella guida fu il mio primo “manuale” per molti anni a seguire. Ricordo che ricopiavo scrupolosamente parti di testo in giapponese e le confrontavo con la versione italiana con l’aiuto di un piccolo dizionario giapponese-inglese.

Ripensandoci ora, facevo un incredibile lavoro di decodifica e interpretazione del testo: un processo che, già da allora, mi permise di acquisire un vasto vocabolario (sebbene inerente alla storia dei monumenti di Roma!). Senza saperlo stavo imparando da un contesto: uno dei segreti per imparare efficacemente una lingua!

Oggi invece abbiamo a disposizione così tante risorse da non sapere cosa scegliere. Incredibilmente, si imparava di più in passato quando le risorse erano più scarse!

Giappone – uno dei miei lavori di grafica (Ryoanji, il giardino di pietra)

Da futuro grafico a insegnante di lingua giapponese

Dopo la maturità artistica, mi iscrissi a Lingue Orientali a Venezia. Questo corso di laurea mi permise di acquisire una buona base nella lingua. Avevo scritto una tesi sulla grafica giapponese e mi appassionai così tanto al tema che dopo la laurea riuscii a trasferirmi in Giappone con una borsa di studio.

La mia missione era padroneggiare la lingua, diventare un famoso grafico e vivere in Giappone! Mi iscrissi quindi ad un master in grafica, e per altri due anni studiai come un matto: i corsi, infatti, erano tutti in giapponese!

Mentre ero lì, mi capitò di lavorare part-time come insegnante di lingua italiana e quello fu il più grande punto di svolta della mia vita!

Mi resi conto di quanto amavo le lingue, e così per ben 10 anni insegnai italiano e inglese in due università della capitale. Avevo cambiato strada, ma il sogno di imparare il giapponese e vivere in Giappone si è avverato.

Eppure… sentivo che mi mancava qualcosa.

Di colpo sentii il bisogno di aiutare gli altri a imparare questa lingua meravigliosa: era arrivata per me l’ora di partire e di trasferirmi a Londra e diventare professore di giapponese!

Da insegnante di lingue a coach neurolinguistico.

Con la mia nuova qualifica, iniziai subito lavorare come docente di giapponese in diverse università per qualche anno… ma per farla breve, qualcosa ancora non mi convinceva.

Ovunque insegnassi, vedevo solo studenti ormai demotivati che faticavano a fare progressi ed erano costantemente stressati da test ed esami.

Be’, non era certo quello lo scenario che avevo previsto!

All’epoca cominciai ad interessarmi al mondo dei poliglotti. Interagivo online con molti di loro, così iniziai ad usare alcune loro tecniche per imparare da autodidatta lo spagnolo e, nel giro di 2-3 mesi ottenni dei risultati sorprendenti! Il divario che avvertivo tra il modo in cui insegnavo e l’approccio più semplice e naturale che stavo utilizzando era enorme.

Mi sentii di nuovo perso… 

Fino al giorno in cui non scoprii il Neurolanguage Coaching® e la possibilità di diventare coach certificato. Così rinunciai al mio lavoro in università e, nel giro di poco, ottenni la qualifica. Grazie ad essa, ora posso aiutare i miei studenti a imparare il giapponese in una maniera più naturale, rapida ed efficace.

Attraverso obiettivi chiari e azioni ben definite, anche per loro imparare il giapponese diventa così un processo molto piacevole e divertente.

Per saperne di più sul Coaching Neurolinguistico® clicca qui.

Convinzioni e valori

Qual è la chiave per un apprendimento efficace del giapponese?  FALLO TUO!

Tu – e solo tu sei responsabile dei tuoi obiettivi, non un insegnante o un corso. Come dice sempre il mio caro amico e celebre poliglotta Luca Lampariello:

      “Una lingua non può essere insegnata: può solo essere imparata”

Qualunque siano le tue convinzioni sull’apprendimento di una lingua straniera, esso può avvenire solo se avrai il controllo sul tuo processo di apprendimento.

Come coach linguistico, io posso aiutarti a scoprire come fare per esercitare quel controllo ed assisterti lungo il percorso che ti porterà a far progredire il tuo giapponese.

Altre notizie su di me…

Oltre al coaching linguistico, amo anche la traduzione, ovvero l’arte di ricreare un testo in un’altra lingua. Dal 2000 ad oggi, ho tradotto più di 200 fumetti manga e sono orgoglioso di aver contribuito a dare una “voce” italiana a tante famose opere del settore.

Nel mio tempo libero, mi piace rilassarmi praticando la calligrafia giapponese (shodō). Il mio fascino per la scrittura giapponese mi ha portato a perseguire quest’arte fino a ottenere la qualifica di “maestro” (shihan).

Infine, amo imparare nuove lingue. Oltre al giapponese e all’inglese, parlo anche cinese, spagnolo e francese. Attualmente, la mia missione è imparare il tedesco e l’albanese!

PS: Trovi il mio profilo dettagliato a questo link.

Pensi di avere bisogno del mio aiuto?

Per qualsiasi tua richiesta, sia inerente alle sessioni di coaching linguistico che agli altri servizi offerti, ti basta solo compilare il form che trovi in questa pagina ed entro 24 ore massimo di ricontatterò per parlarne insieme.

A presto!